JUST EAT e il Digital Food Delivery: il tuo pasto a portata di click

Just Eat

Sabato sera, frigo vuoto, pochi minuti all’inizio del tuo programma televisivo preferito e nessuna voglia di metterti ai fornelli: la soluzione? Ordinare cibo con consegna a domicilio! Fino a pochi anni fa, prassi diffusa era contattare il ristorante telefonicamente per ordinare solitamente una pizza da far recapitare presso la propria abitazione; nello scenario attuale, si sta affermando sempre più il trend del digital food delivery, un servizio di ordinazione online che permette di ricevere il pranzo o la cena a domicilio.

Just Eat

Una dei portali web più conosciuti è sicuramente Just Eat, fondato in Danimarca e lanciato sul mercato italiano a partire dal 2011: costituisce un’interfaccia tra le richieste dei consumatori e gli obiettivi dei ristoratori. I consumatori possono usufruire del servizio attraverso il sito web o l’app, indicare l’indirizzo di consegna e scegliere il ristorante più congeniale ai propri desideri e gusti tra quelli presenti nella zona e iscritti sulla piattaforma; è possibile inoltre applicare dei filtri alla ricerca in base ad alcune caratteristiche dei ristoranti, come la prossimità ed il prezzo. Ci si ritrova di fronte ad una varietà di proposte culinarie che abbraccia culture diverse: si può optare per piatti della nostra tradizione o provare cibo giapponese, indiano, cinese, greco, etc.
Il consumatore è fortemente coinvolto nell’esperienza di acquisto: confronta prezzi ed offerte dei ristoranti, personalizza le diverse pietanze aggiungendo o eliminando degli ingredienti, comunica le proprie richieste ed eventuali allergie ai ristoratori, seleziona l’orario di consegna e indica la modalità di pagamento, che può essere in contanti o tramite carta di credito: tutto questo con dei semplici click! Il consumatore, essendo parte attiva dello scambio, ripone sempre più fiducia nel sistema: si è creata anche una community tra gli utenti che possono esprimere, attraverso le recensioni, le proprie esperienze di acquisto e la propria soddisfazione. Grazie ai dati immessi durante la registrazione al portale, Just Eat comunica attraverso mail con il consumatore suggerendo novità e promozioni dei ristoranti della zona: l’utente ha la percezione di avere una comunicazione quasi personalizzata. Aderendo a Just East, i ristoratori possono rivolgersi e farsi conoscere da un pubblico più ampio che visiterà centinaia di volte il proprio negozio virtuale ogni giorno (https://www.justeat.it/info-to-restaurants). Inoltre, beneficiano dell’attività di comunicazione messa a punto da Just Eat ed incrementano le proprie vendite offrendo un servizio di consegna a domicilio generalmente gratis per il consumatore; possono però stabilire il prezzo minimo di spesa a partire dal quale effettuare consegne. Ricevuto l’ordine, il ristorante può decidere se confermarlo o meno ed indicare con esattezza l’orario di arrivo del pranzo o della cena direttamente sul pianerottolo di casa.

La ricerca

Just Eat | Digital food delivery

La mappa a domicilio del cibo in Italia” è una ricerca condotta da Just Eat grazie all’utilizzo del digitale, per individuare i profili e le abitudini di chi ordina cibo a domicilio. Emerge che gli italiani amano mangiare a casa ed assaggiare pietanze appartenenti a regioni e tradizioni culinarie diverse da quelle di appartenenza. Ad usufruire maggiormente del servizio online di consegna a domicilio sono gli impiegati (70%), gli studenti (34%) e i liberi professionisti (14%) con una spesa annua che varia dai 350 ai 700 euro in base alle disponibilità economiche di ciascuno. Sono i giovani di età compresa tra i 18-36 anni ad utilizzare maggiormente il servizio: tale dato non stupisce, visto che è proprio questa fascia di età ad essere sempre più connessa e incline ad utilizzare i servizi digitali. A seguire vi è la generazione 36-45 anni che ama assaggiare cucine diverse, a differenza dei giovani la cui preferenza ricade sulla pizza. Gli over 45 costituiscono solo l’8% di coloro che ordinano online, forse perché meno fiduciosi nel sistema digitale. Le donne ordinano spesso cibo giapponese, mentre gli uomini, oltre alla pizza e cibi sostanziosi, sono più curiosi di assaggiare ben oltre 50 varietà di tradizioni culinarie.

Il digital food delivery è un trend in continua espansione in una società che è sempre più digitalizzata. Gli utenti richiedono sempre di più semplicità e praticità dei sistemi utilizzati: utilizzando i portali online, evitano molti passaggi intermedi. I consumatori sono sempre più esigenti, alla ricerca di informazioni e di servizi personalizzati; la velocità e la sicurezza dei sistemi sono valori sempre più richiesti dagli utenti. La crescita di tale servizio online è dovuta anche all’aumento di adesioni da parte dei ristoratori locali, che possono gestire in modo più efficiente gli ordini ricevuti ed affiancare il canale di vendita web al tradizionale business a domicilio con ricezione telefonica degli ordini: il potenziale pubblico al quale ci si rivolge è decisamente più ampio. Grazie al digitale, i ristoratori hanno un’occasione per raccogliere informazioni sui gusti dei consumatori. Non si ricorre più a tali servizi di ordinazione via web in situazioni eccezionali, ma questi costituiscono sempre di più una consuetudine tra i consumatori.

Paola Coppola

Articolo precedenteArticolo successivo
mm
Studentessa in Marketing e Ricerche di Mercato. Amante della creatività, della natura e affascinata dal mondo del food.
Seguimi: LinkedIn

Iscriviti alla nostra Newsletter